Anche quest’anno è uscito l’atteso report semestrale redatto da Check Point sui Cyber ​​Attack Trends 2017 che fornisce una panoramica completa dei malware nelle principali categorie di minacce ransomware, bancarie e mobile, basata sui dati di intelligence delle minacce emersi dalla ThreatCloud World Cyber ​​Threat Map, tra gennaio e giugno 2017.

Dal Report si evince come il panorama cibernetico globale del 2017 sia una diretta conseguenza di quanto accaduto nel 2016: famiglie di malware già conosciute ma le cui varianti altamente efficaci utilizzano strumenti di attacco high-end rubati da stati nazionali, per diffondere rapidamente le minacce cyber-globali, lasciando dietro ampi percorsi di distruzione.

Abbiamo assistito alla diffusione di malware del calibro di WannaCry e NotPetya che sono riusciti a mettere in ginocchio intere infrastrutture pubbliche e sanitarie in tutto il mondo.

Un filo conduttore però lega il passato al presente: l’assenza quasi totale di corrette azioni di remediation e mitigation agli attacchi. Per fornire alle organizzazioni il miglior livello di protezione infatti, gli esperti di sicurezza devono essere conformi al panorama in continua evoluzione e alle più recenti minacce e metodi di attacco per mantenere la loro posizione di sicurezza al più alto standard.

Per saperne di più:  https://research.checkpoint.com/cyber-attack-trends-mid-year-report/